Distacco della retina: come curarsi

distacco retina

Oggi parliamo di un problema che accumuna molte persone. Il distacco della retina.

Il distacco della retina è un disturbo all’occhio molto importante che si presenta quando uno strato di quest’ultima si stacca o solleva dalla parte posteriore del bulbo oculare. Questo problema suscita una grande preoccupazione nella persona in cui si verifica. Ma c’è una buona notizia, come abbiamo detto all’inizio, questo piccolo disturbo oculistico accomuna molte persone: gli interventi di questo genere sono ormai all’ordine del giorno e non c’è molto da preoccuparsi , poiché con il supporto delle nuove tecnologie l’operazione non dura più di poche ore.

Il problema in realtà è per molti la convalescenza, spesso lunga ed estenuante, che segue l’intervento.

Ma andiamo per gradi e conosciamo nel dettaglio le cause, le tipologie distinguibili e le cure consigliate del distacco di retina.

Che cosa comporta il distacco della retina?

Il distacco della retina, come l’abbiamo definita nelle righe precedenti, è uno strappo che porta via anche i vasi sanguigni che nutrono l’occhio. Tuttavia, si possono distinguere in essa 4 diverse casistiche: abbiamo il regmatogeno che è il caso più comune e si verifica a causa di una rottura nella retina che permette al liquido di accedere allo spazio sottoretinico.

Il secondo caso è invece detto ‘tradizionale’ trova origine dalla nascita di membrane sulla superficie retinica che premendo sulla retina finiscono per sollevarla. Questo capita molto spesso nei pazienti affetti da diabete o a causa di retinopatia precoce.

Il terzo fenomeno viene riconosciuto come ‘essudativo’: questo si verifica a causa di lesioni vascolari o d’infiammazioni che favoriscono la formazione di liquidi nello spazio sottoretinico.

Le Forme miste invece contemplano quei casi in cui il distacco si verifica nella zona centrale della retina. Questa rappresenta un caso di gravità estrema: la vista dell’individuo, in questa circostanza è già danneggiata.

Le cause e sintomi

Le cause del distacco della retina possono essere molteplici. Molti i casi verificatesi in pazienti affetti da diabete o in individui affetti da a sindrome di Marfan o sindrome di Ehler Danlos. I sintomi sono semplici da individuare. Chi ha subito un distacco della retina lo intuisce facilmente attraverso la manifestazione improvvisa di forme o sfere di luce fluttuanti che occultano la vista.

Cosa fare

Quando si verifica un distacco della retina bisogna intervenire tempestivamente, poiché più tempo si perde e più corre il rischio di compromettere la vista. Il primo approccio terapeutico risiede nella fotocoagulazione con laser argon, che ha l’intento di limitare l’accesso del liquido nella zona al di sotto della retina. Nei casi più gravi, quando ad essersi staccato è un pezzo più spesso, bisogna invece procedere chirurgicamente.

 Terapia chirurgica

L’intervento a cui deve sottoporsi chi subisce un distacco della retina è quello della vitrectomia. Quest’operazione consiste nella rimozione del il vitreo che mette in tensione la retina  e a rincollare i margini di retina separatisi dal fondo oculare. Spesso il post operatorio è molto faticoso e comporta diversi fastidi. Anche la convalescenza è molto lunga ma l’intervento possiede percentuali di riuscita incoraggianti.